Remember me on this computer
Massimiliano Ferragina
About this artwork
Title
Genesi della Luce
Materials
Acrilico e pasta acrilica su canvas
Dimensions
h.100cm w.100cm d.0cm
Completed
Oct 2012
Artist

Massimiliano's Description: La Luce si espande, esce dalla materia confusa, prende forma, dona vita...la crea e la mantiene!

Rate This Artwork

OK
Quite Good
Good
Very Good
Great
Masterpiece

Times viewed: 3036
Times rated: 1
Ratings:
It's a masterpiece  (100%*)
* Percentage of all rating for this work
Who Have Rated This Artwork

Gaspare Adamo


Massimiliano's portfolio
 <     > 
Copyright ©2003-2019 artprocess.com and participating artists
Comments
Gaspare
2012-10-28 03:29

Osservo l'opera. Subito mi "esplode" come tridimensionale, nell'astrattezza si percepisce comunque una visione prospettica. Centro dell'opera, una croce piuttosto che una partizione in quadranti, come a farne quattro parti di un unicum. Creazione o Risurrezione. La vedrei benissimo in una chiesa di architetti del calibro di R. Meier, come opera dominante nel fondale del presbiterio o del battistero. Si coglie una maturazione nel già valido tratto dell'Artista.

Massimiliano
2012-10-31 11:03

Nel quadrante in basso a sinista (nella parte inferiore)) percepisco un volto
di profilo,una figura (nella parte rossa), delle mani unite verso il basso
(come a mantenere l'acqua quando la si vuole bere a mani giunte o come si è
soliti versarla sul capo nel battesimo), unv olto enigmatico (rassomigliante ai
chiaroscuri lunari) con una pupilla rosso fuoco .Sempre nello stesso quadrante
ma nella metà superiore percepisco un abito da chierico in uso nell' 800 con
una testa appartenente all'abito, per nulla identificabile, come se fosse un
manichino vestito da prete.
Nel quadrente in basso a destra, nella sua parte superore vedo raffigurata una
immagine simile a quella che si forma in un lago quando ci butti una pietra
(cerchi concentrici), in basso questi cerchi percepisco un viso di uomo a metà
strada tra un profilo e un frontale, più in basso quasi al centro percepisco un
altro volto ma stavlta più simile ad una maschera.
Nel quadrante in alto a destra (nella sua parte inferiore) percepiso
l'immagine di un uomo esanime disteso per terra, giusto al cenro in alto un
volto i cui occhi sono nell'ombra.
Nel quadrante in alto a sinistra percepisco mezzo volto di donna. La
percepisco attraverso un piccolo oggetto luminoso che mi appare come un
orecchhino e attraverso quella che vedo come una bocca di donna con rossetto
sbavato.
La spessa linea centrale dà una profondità all'opera.
Bello. lo metterei volentieri in camera mia.
Ho visto anche le altre opere... caspita sei bravo davvero. Complimenti. I.B.

Gaspare
2012-11-01 04:19

Lettura un po' complessa, quella di I.B.
A mio avviso, l'opera è molto più semplice e snella. Letta nella sua espressività cromatica, acquista molto più valore che non a voler rintracciare soggetti figurativi. Sono in parte riuscito a seguire la percezione descritta ma ritengo resti nella lettura personale. D'altro canto, il fascino delle opere d'arte è proprio quello di "dialogare" col "lettore", di potersi interpretare tante volte quanti gli occhi che le ammirano.

Massimiliano
2012-11-01 05:13

Caro Gaspare I.B. è un nostro collega...complesso vero...ma conoscendolo gli appartiene!!! MF

Massimiliano
2012-11-04 12:17

Inserisco il commento inviatomi sulla posta privata da una mia amica che portonel cuore:
Carissimo Max...
E poi l’uso dei colori, i tuoi colori preferiti, o forse i tuoi colori rappresentativi, il rosso e il giallo…il rosso per l’uomo come figlio e il giallo per i “genitori”.
Posso dire di “averla vista nascere” la Genesi della luce e credo proprio che non potevi trovare un titolo migliore, un titolo più azzeccato…il tocco della luce ne ha cambiato il senso, forma, ed evoca altre sensazioni…se prima poteva anche sembrare i mille pezzetti di uno specchio andato in frantumi, ora il cerchio di luce ne delimita la forma, e mi evoca il mondo, si un mappamondo dove ritrovo visi e forme a me familiari…"lascia che il cielo cada, quando si sbriciola, noi saremo proprio qui, dalla caduta del cielo, è lì dove noi cominceremo"...dalla luce, che è vita....concordo con la prospettiva e il tridimensionale ma soprattutto nell’esplosione del giallo intenso, della luce….

tiziana
2012-11-07 18:23

Mi piace molto, è luminosa, un solo sguardo non è sufficiente a cogliere tutti i particolari di quella che mi sembra una vera e propria visione del mondo.
Protagonista è la croce che sembra irradiare onde di energia positiva nel mondo circostante dalle quali emergono figure umane.
L'insieme trasmette positività, luce, non turbata dalle tracce di rosso sangue testimoni del dolore che non ci vince, ma esiste.

6 comments


Log-in and comment on this work